Marco Zanolla

Ci #liberate mettendo nel bus tutti quelli che credono nella fandonia dell'ideologia gender? #BeneMaNonBenissimo #AvevaTortoBasaglia twitter.com/ManifPourTousI…

Circa 3 mesi fa dal Twitter di Marco Zanolla

18 novembre 2014

Patti criminali…

http://www.2duerighe.com/cronaca/38570-ancora-alluvione-a-genova.html

Certo, non si investe per ridurre dissesto idrogeologico, è colpa delle amministrazioni, sono i politici che non fanno il loro dovere..
Questo è quello che spesso sentiamo dire dalle persone ed è vero.

Vero, o meglio vero in parte, negli anni in cui c’erano vacche grasse, quando i soldi c’erano, sarebbe stato un dovere di chi amministrava non pensare solo all’elettorato, con la metodologia “panem et circenses, ma alla sicurezza dei cittadini.
C’è sicuramente chi l’ha fatto e chi invece è rimasto a guardare, ma in tutto questo noi cittadini dovere eravamo?

In molti casi, sopratutto in quelli che hanno visto l’edificazione vicino rivoli d’acqua tanto tranquilli e innocui al tempo, abbiamo pregato che ci dessero una variante del piano regolatore, nel migliore dei casi, oppure nel peggiore abbiamo fatto un piccolo abuso edilizio poi ringraziando i politici (a mio avviso senza scrupoli) che nel tempo hanno fatto i condoni.
Certo, c’è anche la sfortuna, dove le piogge torrenziali in pochissimo tempo ci hanno letteralmente travolto ogni cosa e ci sono i casi in cui effettivamente gli amministratori hanno lavorato poco e male, ma quando ti trovi un esperto del CNR che dice:

“Bisognerebbe radere al suolo interi quartieri di Genova. È l’unica soluzione. L’altra è sperare che non piova più” Il Giornale

Capisci che c’è poco da fare, se sono riusciti dal dopo guerra a costruire vicino i fiumi e in alcuni posti addirittura sopra tombandoli. Tu ipotetico amministratore quando ti trovi davanti una cosa del genere ti metti le mani nei capelli.
Se poi sei entrato in ruolo da qualche anno e malauguratamente ti sei trovato davanti la pietra tombale del patto di stabilità, in questi giorni ancora di più ti corre un brivido su tutta la schiena .

Proprio un brivido, perché se anche ti eri accorto che avevi necessità di fare dei lavori di consolidamento di un argine o di messa in sicurezza di un area e non avevi liquidità immediata ci pensava il patto di stabilità a bloccarti l’opera pubblica. Fino a ieri potevi dire, “Riusciremo a farlo il prossimo anno” ora, se non lo avevi già capito al tempo, realizzi che c’è qualcosa di criminale in tutto questo.
Dico criminale, perché è l’unico concetto che mi viene in mente quando si mette davanti un problema economico alla sicurezza dei cittadini.
Qualcuno finalmente si è svegliato dal torpore, evviva direi se non fosse che ormai i buoi sono scappati

Maltempo: ancora allerta al centro nord. Delrio: “Patto di stabilità non sia un problema” RaiNews

sky

bello