Privacy Policy

Marco Zanolla

Comunque le #PrimariePD per il Segretario la domenica di Carnevale chiudono il cerchio. Io, per sicurezza, avrei scelto il 1 Aprile... #AAAcavaliereMascheratoCercasi @welikeduel #propagandalive

Circa 3 settimane fa dal Twitter di Marco Zanolla

20 Novembre 2014

Sotto un unico cielo

20141113_095638

Sette giorni sono passati dal mio arrivo a Bruxelles, o #BruxElly come l’abbiamo ribattezzata, e mi ci è voluto un po’ di tempo per digerire le tre giornate passate con il gruppo nord-est (e non solo) e riprendermi dallo stato confusionale che mi ha fatto cadere. In un certo senso è stato come i grandi meeting di partito che si facevano (bene) una volta, dove c’era il tempo per discutere e divertirsi ma si facevano anche ore sode di approfondimenti e workshop. Brava Elly e bravissimi Elvira e Paolo. continua a leggere…

18 Novembre 2014

Patti criminali…

http://www.2duerighe.com/cronaca/38570-ancora-alluvione-a-genova.html

Certo, non si investe per ridurre dissesto idrogeologico, è colpa delle amministrazioni, sono i politici che non fanno il loro dovere..
Questo è quello che spesso sentiamo dire dalle persone ed è vero.
continua a leggere…

20 Novembre 2013

Epifani, se ci sai batti un colpo?

epifani-cade-pdMi sa invece che il colpo gli è venuto. Non parla, non si esprime, non da una linea, un po’ come il mio fermalibri sulla scrivania.
Di qualcosa, di qualcosa di sinistra, ma di qualcosa!
Un momento, ma c’è una linea in questi casi, l’abbiamo visto. Qualche mese fa una certa Josefa Idem, per non aver pagato l’IMU (che tanto ora non si paga e basta, vedi tu i casi della vita) gli è stato chiesto non di fare un ravvedimento operoso ma di dimettersi da ministro.
Ci sta.
continua a leggere…

19 Settembre 2013

Legge contro l’omofobia…

Vediamo di capirci,
è una vita che nel forum Diritti Civili dei Giovani Democratici si parla (a tutti i livelli) di una legge in questo senso e proprio alcuni dei nostri iscritti, ora in Parlamento, stanno portando avanti una proposta di legge.
Ora, la follia che stiamo vivendo in queste ore fa sì che qualcuno, dopo averci fatto togliere l’IMU sulla prima casa, dopo averci messo in imbarazzo dipingendo il potere giudiziario come un organo terroristico, riesce ancora a mettere in discussione una delle poche proposte politiche che dovrebbe essere alle basa degli ideali progressisti di un partito di centrosinistra.
A questo punto, se non è nel vostro programma politico, cari amici del PDL, astenetevi.
Questo:

“La vicenda aperta delle dimissioni di Leone sulla legge per l’omofobia, che ci auguriamo trovi una soluzione, pone una questione politica più generale: il Pd non può pensare che le intese realizzate sulle varie questioni a livello di governo possano essere poi forzate e stravolte in aula con l’approvazione di emendamenti non concordati e non condivisi con il Pdl». cit. Fabrizio Cicchitto da Europa

è un ricatto, e di norma i ricattatori si denunciano e se ne occupano le forze dell’ordine, sicuramente non ci si fa un governo assieme.
Vediamo di darci una svegliata…

13 Settembre 2013

Trattenuti in uno spazio bianco

Martedì sono entrato con la Commissione Manconi per i Diritti Umani nel Centro d’identificazione ed espulsione di Gradisca d’Isonzo. Non è la prima volta che provo ad entrare lì dentro, la mia richiesta è già arrivata precedentemente ma non è stata mai accolta (come quella, tra l’altro, del nostro assessore competente, Linda Tomasinsig, che ormai da cinque anni l’era impedito l’accesso alla struttura).
Non voglio annoiare nessuno con la storia che tutti gli immigrati sono poveri cristi e stinchi di santi, non è questo il motivo per cui scrivo e soprattutto non ci credo. Vi potrei dire che quasi il 70% di loro, sono persone che hanno precedenti, ma potrei sbagliarmi (visto che i numeri sono stati somministrati senza alcun documento). Comunque il punto non è assolutamente questo.
Il punto è di guardare le cose da essere umani.
Esseri che pensano e che sono abituati a vivere in uno spazio aperto.
Vi chiedo, ora, di immaginare voi esseri umani rinchiusi in un posto ridotto con persone che non conoscete.
Non per giorni, ma per settimane, anzi, mesi, in alcuni casi, addirittura diciotto lunghissimi mesi.
Se poi avete già pagato alla giustizia la vostra pena, l’unica cosa che vorreste, una volta usciti di prigione, è tornare a casa o quanto meno vedere un volto amico.
Invece vi portano in delle gabbie. Sopra la vostra testa si stende una rete metallica e le stanza, dove stanno altri cinque come voi o di un’etnia con cui eravate in guerra fino alla vostra partenza per l’Italia, è di una dimensione tale che normalmente non fareste rimanere nemmeno il vostro animale domestico.
continua a leggere…